360° Turismo Responsabile – VIAGGI in ARGENTINA e CILE
Buenos Aires, Argentina
  • Meteo
Lingue: es_ESen_USfr_FRit_IT

Conoscere Buenos Aires

Buenos Aires non è soltanto la capitale dell’Argentina, ma una metropoli cosmopolita dove si intrecciano storie e tradizioni da tutto il mondo. Dai luoghi più famosi fino alle periferie più lontane sono tantissime le occasioni di incontri divertenti e formativi. Non visiteremo solamente la parte centrale e più turistica, ma svolteremo dietro gli angoli per scoprire quelle esperienze che rendono speciali i nostri viaggi.

La Boca

Alloggio

Hotel Cooperativa BAUEN; B&B nel quartire di Palermo

La Cooperativa Hotel BAUEN si forma dopo una lunga lotta iniziata nel 2003 con l’occupazione di questo hotel tanto significativo della città di Buenos Aires, costruito dal governo militare per il mondiale di calcio del 1978 e con una lunga storia di finanziamenti illeciti, passaggi di proprietà, eccetera. In questi anni, dopo una disputa legale che è ancora pendente, gli impiegati del Bauen hanno ricondizionato l’hotel e hanno ottenuto un’importante clientela soprattutto nel Turismo Solidario. I turisti che alloggiano nell’Hotel Cooperativa, non solamente contribuiscono nel mantenimento della cooperativa e dei suoi lavoratori, ma possono partecipare ad un dibattito, tenuto da uno dei dirigenti della cooperativa, sul Movimento Nazionale delle Imprese Recuperate (MNER) e sulla storia del Bauen.

Trasporti

Ci muoveremo a piedi, in autobus, in metropolitana od in taxi.

Buenos Aires

Attività

CityTour

Piazza del Congresso, Plaza de Mayo, San Telmo; Puerto Madero, Recoleta e Palermo. Si tratta di raccontare la storia della fondazione di Buenos Aires; le contese politiche dall’epoca di Peron, delle quali fu protagonista Plaza de Mayo; i contributi degli immigranti all’architettura della città; le personalità di ciascun quartiere, le sue trasformazioni economiche e le caratteristiche sociali.

Oltre al “Caminito” il quartiere de La Boca esiste veramente.

Progetto di Turismo Sostenibile Circuito Boca – Barracas: Il progetto, iniziato nel 2007 e realizzato dalla ONG italiana ICEI, si propone il miglioramento delle condizioni di vita delle popolazioni dei quartieri di La Boca e Barracas grazie alla partecipazione diretta ed alla introduzione dei gruppi marginali dei quartieri nelle attività di turismo sostenibile. Si tratta di iniziative di inserimento sociale che mirano al recupero e
alla valorizzazione socio-culturale di quartieri problematici della città di Buenos Aires.
La Boca: visita al centro di divulgazione del Ponte Trasbordatore; museo Benito Quinquela Martìn; area del Caminito; pranzo nel conventillo – bar: Conciertos de Cuchillos (visita al patio delle sculture); camminata fino al laboratorio di Walde; visita ai pompieri volontari di La Boca; visita
all’editore Eloisa Cartonera; laboratorio di rilegatura; camminata fino a Los Pibes del Playon (degustazione di alfajores, dolci tipici), passando per La Bombonera; camminata fino alla casa – laboratorio Celia Chevalier e visita alla galleria d’arte.

Barracas

Durante la visita si conoscono gli edifici della ex fabbrica Alpargatas, la Biblioteca popolare Sociedad Luz dove funzionava il Profesorado de Historia Social. Visita a due icone delle distinte collettività religiose del quartiere di Barracas: tempio della comunità Or-Torah e la chiesa di Santa Felicita ubicata in Piazza Colombia. Pizzeria Los Campeones di av. Montes de Oca y Brandsen.

Teatro comuntario

Gruppo Catalina Sur e del Centro Cultura Barracas.

Le Madri di Plaza de Mayo

Si trovano tutti i giovedì alle 15,30 in Plaza de Mayo. Nella piazza, le “Madri” non girano in tondo, marciano. E lo fanno da 30 anni. Durante la dittatura, per reclamare la “apariciòn con vida” dei loro figli – tutti i figli, anche quelli partoriti da altre madri. Oggi, per chiedere i processi agli assassini del regime e diritti in tema di giustizia sociale. Rivendicano così i valori per i quali i figli sono morti. Non sono donne vinte dalla vita: sotto i fazzoletti bianchi che indossano per marciare, hanno visi sorridenti e combattivi. (Francesca Capelli)

Museo ESMA

Il museo si può visitare dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17 e, nei fine settimana, dalle 12 alle 18. La durata della visita è di circa due ore, la visita si fa solo con guida e deve essere prenotata precedentemente per telefono.
Durante la visita si fa un percorso all’interno dell’edificio della ex Scuola Meccanica della Marina. La guida ci fornisce informazioni sugli obiettivi del museo, sul suo funzionamento e dinamica, utilizzando tutta la documentazione disponibile per fornirci dettagli sulla sua storia. Alla fine della visita si possono vedere delle mostre che rappresentano, con diverse prospettive, il terrorismo di stato in Argentina.

Visita a musei alternativi

MALBA; Museo Etnográfico; Xul Solar; Museo dell’Arte Ispanoamericana; Museo dei motivi argentini José Hernandez; Centro Culturale Recoleta; Hotel des Inmigrantes; Museo del Debito Estero; Museo Evita; Museo Storico e Numismatico.

Madres de plaza de Mayo