Buenos Aires, Argentina
(+549) 11 54147112 info@360responsibletourism.com
  • Bonanza
  • Meteo
Lingue: es_ESusfr_FRit_IT

Tutte le meraviglie di Misiones

Cataratas de Iguazù

Giorno 1 Buenos Aires – Puerto Iguazú

Alloggio: Puerto Iguazú Residencial La Strada

Tra giardini di fiori e alberi tropicali il personale di La Strada ci accoglie calorosamente. Da diversi anni questa locanda offre un servizio di alloggio ai visitatori e ci garantisce un servizio autentico e familiare.

Attività previste

Viaggiamo da Buenos Aires verso Puerto Iguazù in aereo o in bus

Cascate di Iguazú lato brasiliano

Trasferimento in autobus nel versante brasiliano per visitare le cascate da quel lato. Le cascate di Iguazu sono vicine alla tripla frontiera tra Argentina, Paraguay e Brasile. E’ possibile ammirare le cascate dal lato brasiliano e argentino.

Cataratas de Iguazù

Giorni 2 e 3 : le cascate di Iguazú

Alloggio

Puerto Iguazú Residencial La Strada

Attività previste

Parco Nazionale di Iguazú

Il parco è formato da 275 cascate d’acqua che raggiungono 80 metri di altezza; queste cascate sono alimentate dal fiume Iguazu. Visitare il parco è molto semplice, con sentieri facilmente reperibili e praticabili. Non occorre la guida. Durante due giorni percorriamo gli itinerari inferiori e superiori e andiamo fino alla cascata chiamata gola del diavolo. Potete recarvi sull’isola di San Martin e percorrere il sentiero Macuco. Abbiamo anche la possibilità di fare il pieno di adrenalina per avvicinarsi alle cascate con un gommone (sconsigliata); oppure una passeggiata ecologica sull’altra riva del fiume (consigliata). Per arrivare all’entrata del Parco dalla cittadina di Puerto Iguazu ci sono pullman locali ogni mezzora.

Cataratas de Iguazù

Giorno 4 : Puerto Iguazú – Moconá

Alloggio

Rifugio Moconá

Situato nella foresta di Misiones, il rifugio consta di 8 camere con capacità di accogliere dalle 2 alle 5 persone. In un contesto naturale, tali infrastrutture sono di grande comodità e ci consentono di riposare nella foresta nella riserva della biosfera Yaboti. Il rifugio offre un servizio di qualità con professionalità ed amabilità.
Attività previste: Trasferimento in auto o pulmino

Attività previste

Comunità Guarani Yryapu

Durante la mattinata visitiamo il progetto turistico Maté con la comunità Guarani Yryapu. Dopo alcuni anni di formazione delle attività turistiche, alcuni giovani della comunità insieme ad altri di altre comunità si sono riuniti per essere formati come guide del territorio. Percorriamo un sentiero per scoprire la fauna e la flora del luogo. Le guide ci insegnano gli strumenti e le tecniche della caccia con le trappole ; così come gli usi delle piante mediche. Per i gruppi si può assistere ai cori dei più giovani ed ascoltare i canti guarani.
Il pomeriggio partiamo da Puerto Iguazu in autobus verso sud. Visitiamo une miniera di pietre preziose a cielo aperto chiamata Wanda. Proseguiamo verso Mocona, passando da une densa foresta tropicale, fermandosi qua e la per ammirare le cascate ed il paesaggio.

Moconà

Giorno 5 Moconá

Alloggio

Rifugio Moconá

Attività previste

Le cascate di Moconà

E’ uno dei grandi paesaggi della provincia di Misiones, une faglia geologica nella quale si congiungono i fiumi Yabotí, Pepirí Guazú, Uruguay, Serapio e Calixto. Si tratta in realtà di un canyon di tre chilometri di larghezza con delle cascate parallele al letto del canyon che a differenza
delle cascate cadono in trasversale, con 25 metri di altezza ed une profondità di 115 metri. Tutta la zona delle cascate di Moconà è classificata come parco provinciale che include anche La biosfera di Yaboti. Visitiamo il parco nazionale di Mocona. Osserviamo le cascate di Mocona al di sopra del fiume Uruguay. Partiamo per un trekking nella foresta per scoprirne la flora autoctona.

Giorno 6 Moconá – El Soberbio – San Ignacio

Alloggio

Hotel San Ignacio

Trascorriamo la notte in questo tipico albergo della zona.

Attività previste

Partiamo per Sant’Ignacio, dopo aver visitato il luogo di produzione dell’erba Maté. Visitiamo anche l’orto botanico delle orchidee. Se il tempo lo permette, vediamo lo spettacolo di suoni ed immagini di Sant’Ignacio presso i resti archeologici.

Mate

Giorno 7 San Ignacio

Alloggio

Hotel San Ignacio

Attività previste

Rovine di San Ignacio Mini

Visitiamo le rovine gesuitiche di San Ignacio. Questa località si costituì nel 1696 in questo luogo esatto. Come altre città assediate dai banditi, San Ignacio fu ridotta e distrutta dai paraguayani nel 1817. Nel 1940 le rovine furono restaurate ciò che oggi ci consente di apprezzare esattamente il tracciato urbanistico della riduzione della città. Oggi San Ignacio è une delle missioni meglio conservate sul territorio argentino. Il piano terra dell’edificio è simile alla maggior parte delle costruzioni gesuitiche dell’epoca : intorno alla piazza centrale si trovano une chiesa, la casa dei padri, il cimitero, gli edifici del consiglio municipale. Per edificare San Ignacio, fu utilizzata une pietra locale, il grès rosso.
L’ampiezza dei lavori consentì di conservare nonostante il deterioramento la maggior parte dei muri. Le rovine gesuitiche della Mission di San Ignacio, accanto a Nuestra Señora di Loreto, Santa Ana e Santa María la Mayor (attualmente in Argentine) e São Miguel (Brasile), furono dichiarati Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO nel 1984.

Missioni gesuitiche

Giorno 8 San Ignacio – Posada – Encarnación (Paraguay) – Buenos Aires

Attività previste

Rovine gesuitiche di Jesús y Trinidad

La Riduzione di Jesús di Tavarangüe fu fondata nel 1685, lungo il ruscello Monday. La chiesa della « Riduzione di Gesù» era in costruzione all’epoca dell’espulsione dei Gesuiti nelle provincie del Rio de la Plata. Fu une delle chiese più grandi dell’epoca, con un corpo centrale di 70 metri di lunghezza e 24 di larghezza. Questo tempio rappresenterebbe una riproduzione della chiesa di Loyola situata in Italia. Le porte d’accesso sono opere molto impressionanti. La riduzione di Santissima Trinità del Parana è considerata la più grande di tutte le missioni. Essa fu fondata nel 1712 dai nativi provenienti dalle Missioni di san carlos. Tale riduzione possiede il più grande tempio costruito nelle missioni gesuitiche sul quale si distingue un fregio di angeli musicali, i quali sino alla scoperta delle partizioni musicali di Moxos in Bolivia, costituivano l’unico segno rimasto di musica delle missioni gesuitiche. Essa possiede anche une piazza principale, luogo di riunione del villaggio, un museo gesuitico nell’antica sagrestia. Si può ammirare specialmente le sculture e un modello della missione. Le missioni di Jesus e Trinidad furono dichiarate patrimonio dell’umanità nel 1993.

Rientro a Buenos Aires in aereo o in autobus.

San Ignacio

Download PDF