Buenos Aires, Argentina
(+549) 11 54147112 info@360responsibletourism.com
  • Bonanza
  • Meteo
Lingue: it_IT

Argentina: il nord ovest e il nord est – Giugno

Quebrada de humahuaca

9 giugno 2015 – 22 giugno 2015

Dall’altipiano andino alla selva sub tropicale, visitando i luoghi della Pachamama fino ai canti dei bambini Guarani; passando dalla Puna arrivando alle Cascate di Iguazu.
Il nostro percorso si svolge nella parte nord dell’Argentina, al confine con il Cile e la Bolivia nell’estremo Ovest, tra gli altipiani andini, per poi spostarci a piú di 2000 km ad est fino al confine con il Brasile e il Paraguay, nella selva sub tropicale e nel regno delle “acque grandi” Iguazu in lingua guaraní.

VOLI

9 giugno Italia – Buenos Aires
12 giugno Buenos Aires – Salta
18 giugno Salta -Iguazu
20 giugno Iguazu – Buenos Aires
22 giugno Buenos Aires- Italia

PROGRAMMA

9 giugno, 1° giorno: Partenza dall’Italia

10 giugno, 2° giorno: Arrivo a Buenos Aires

Arrivo a Buenos Aires, trasferimento in Hotel. Visita guidata della città, circa tre ore. Resto della giornata libera.

Casa Rosada

11 giugno, 3°giorno: Buenos Aires

La mattina visita guidata al quartiere de La Boca. Nel pomeriggio incontro in Piazza di Maggio alle 14.30 per partecipare alla tradizionale presenza delle Madri di Piazza di Maggio. Visita poi all’Università delle Madri.
In serata possibilità di assistere a spettacoli di tango o semplicemente andare a una “Milonga” (sala da ballo dedicata agli appassionati del tango), autogestito.

Usi e costumi

12 giugno, 4° giorno: Buenos Aires – Salta – Cafayate

Trasferimento in aereo a Salta. Arrivati a Salta si ci trasferisce in pullman a Cafayate. Entriamo subito nei paesaggi ai piedi dell’altipiano andino, tra colline multicolori e vallate verdi. Visita al paese di Cafayate. Nel tardo pomeriggio ci incontriamo con i rappresentanti del progetto “Red de turismo campesino”. Passiamo queste giornate con le famiglie che fanno parte del progetto avendo la possibilità di conoscere la vita quotidiana e le attività agricole e artigianali de Los Valles Calchaquies. Siamo ospiti in famiglia. Pernottamento presso Turismo Campesino.

Valles Calchaquies

13 giugno, 5° giorno: Turismo Campesino

Attività organizzate dal progetto di turismo campesino. www.turismocampesino.org
Pernottamento presso Turismo Campesino.

Valles Calchaquies

14 giugno, 6° giorno: Cafayate – Ruta 40 – Molinos – Cachi

Si parte la mattina presto in pulmino lungo la mitica Ruta 40, attraversando paesaggi ai piedi delle Ande tra vallate verdi e colline di colori diversi, dove l’erosione dell’acqua porta alla luce i minerali del suolo. Passiamo per vari paesini che facevano parte della strada della colonia spagnola che univa Buenos Aires con il Peru, ai tempi del Virreinato del Peru. Rimangono anche resti della precedente conquista incaica sia nella lingua che in alcuni tratti di cammino. Arriviamo in serata a Cachi. Pernottamento.

Quilmes

15 giugno, 7° giorno: Cachi – Quebrada del Obisco, Parque Nacional Los Cardones – Salta

Rientriamo a Salta per una nuova strada, completando così un anello di quasi 700 km che ci fa passare per una zona montagnosa che raggiunge i 3340 metri di altezza lungo la “Cuesta del Obispo” e passa per il parco nazionale de los Cardones (cactus giganti). Pernottamento a Salta.
Valles Calchaquies

16 giugno, 8° giorno: Salta – Salinas Grandes – Purmamarca – Tilcara

La mattina partiamo in pulmino per La Quebrada de Humahuaca. Dichiarata Patrimonio culturale dell’Umanità dall’UNESCO nel 2005 per la particolarità delle comunità che vivono in questa vallata da prima della invasione incaica e che hanno resistito culturalmente alla conquista spagnola, mantenendo i loro usi e costumi locali. Ci addentriamo in questa giornata nelle alte montagne della “Puna”, che fanno parte dell’altipiano andino che tanto caratterizza il Perù e la Bolivia. Si tratta di grandi distese ad altezze tra i 2500 e i 4000 di altezza. Partenza la mattina preso per visitare il Salinas Grande. Circa 12000 ettari di lago salato all’altezza di oltre 3000 metri. Una pianura luminosa lungo un orizzonte bianco e infinito che cambia di colore dal verde al giallo a seconda del periodo dell’anno. Un luogo ideale per spaziare gli occhi a 360gradi e scattare foto panoramiche e per conoscere la bellezza naturale di questa formazione geologica. Piscine enormi di acqua limpida, sono scavate dagli operai per l’estrazione del sale, un lavoro duro dove le asperità del sale e del sole ne solcano la pelle e ne scandiscono i ritmi della vita.
Passiamo poi al paese di Purmarca dove si trova la montagna dei “Sette colori”. Si tratta della parete di una montagna che è stata erosa dal vento e dall’acqua fino a scoprire diversi strati colorati dai minerali di cui sono ricche queste montagne. Pernottamento a Tilcara.

Molinos, Cooperativa artesano

17 giugno, 9° giorno: Tilcara – Humahuaca – La Hornadita – Salta

La mattina visitiamo il paesino di Humahuca e per il resto del giorno siamo ospiti della
Famiglia Lopez. Da alcuni anni Hector e Clara hanno avviato una piccola impresa di turismo comunitario. Il posto è molto semplice e spartano, ma l’accoglienza della famiglia fa sentire a proprio agio i turisti. Con loro viene condivisa la vita quotidiana della famiglia, che si occupa principalmente di allevamento e di agricoltura. La visita prevede anche camminate nelle valli, per raggiungere alcuni luoghi significativi per la cultura diaguita. Vicino alla casa sorge un piccolo sito archeologico con rovine e tombe di epoca precolombiana. Una camminata di mezza giornata può invece portare a visitare alcuni graffiti rupestri che si possono ammirare dall’altro lato della valle. Per chi invece ama le camminate più lunghe si può raggiungere con una giornata di escursione la Inca Cueva, una grotta che sorge lungo il sentiero inca in prossimità di un’oasi quindi di una tappa obbligata di questo cammino. In serata rientro a Salta e pernottamento.
Horndaitas

18 giugno, 10° giorno: Salta – Puerto Iguazu

Mattinata libera nella città di Salta, nel pomeriggio trasferimento in aereo a Puerto Iguazu. Arrivo e pernottamento.

19 giugno, 11° giorno: Parco Nazionale Cascate di Iguazu

Visita di tutto il giorno al Parco Nazionale Iguazù delle cascate dal lato argentino. Il Parco, patrimonio dell’UNESCO è una meraviglia della natura, con i suoi 200.000 ettari in cui, per un fronte di 4 km, si riversano 275 cascate con una portata di 1500 metri cubo di acqua al secondo. Percorriamo il circuito superiore e inferiore, il salto Garganta del Diablo, e la traversata all’isola di San Martin, nel bel mezzo delle cascate. Pranzi e cene libere. Pernottamento in Hotel.

Cataratas de Iguazù

20 giugno, 12° giorno: Cascate lato Brasile – comunitá Guarani – partenza in serata per Buenos Aires

In mattinata visita alle cascate dal lato del Brasile. Visita di gruppo con guida in spagnolo o inglese. Nel pomeriggio visita alla comunitá Guarani e progetto MATE. I Guaranì sono una popolazione originaria che abitò tutta la parte di selva e foresta tropicale all’America Latina, un immenso territorio che va dall’Argentina settentrionale fino alla Colombia. In serata partenza in aereo per Buenos Aires

Guaranì

21 giugno, 13° giorno: Partenza per l´Italia

Giornata libera fino all’ora di partenza per l’Italia

22 giugno 14° giorno: Arrivo in Italia

Delta del Tigre

COSTI

Costi x persona in camera doppia

base 6: 1810€

base 8/10: 1550€

Servizi inclusi:
  • Accompagnatore per tutta la durata del viaggio
  • Tutti i pernottamenti e le colazioni
  • Trasferimento da e per l’aeroporto internazionale
  • Guide locali
  • Tutte le escursioni menzionate come incluse e trasporto per le escursioni
  • Trasferimenti via terra, come parte dell’itinerario
  • Pranzi e cene presso il soggiorno a Turismo Campesino e Famiglia Lopez.
Attività e servizi da pagare direttamente in loco non inclusi:
  • Trasferimenti in taxi, bus o metropolitana sia nella città di Buenos Aires che nelle varie località che si visitano.
  • Alcuni trasferimenti da/per aeroporto voli interni (in taxi) (Buenos Aires)
  • Tasse aeroportuali interne
  • Entrate ai parchi nazionali
  • Pranzi e cene, eccetto presso il soggiorno a Turismo Campesino e Famiglia Lopez.

Difficoltà del viaggio

In viaggio non presenta difficoltà. Si richiede spirito di adattamento e buena disposizione durante il soggiorno presso il progetto Turismo Campesino. Si raccomanda un bagaglio leggero, in quanto nei voli interni il limite è di 15 kg. Si consiglia abbigliamento comodo e sportivo: d’obbligo giacca a vento, berretto, guanti, sciarpa e scarponi per camminare ma anche costume da bagno, calzoncini corti, sandali e cappello e crema solare.

Dove si dorme

Principalmente in B&B in camere doppie. Pernottamento in famiglia per le due notti presso Turismo Campesino (non disponibilità del bagno in camera).

Paso San Francisco

Download PDF